Skip to content
Mobile menu

Published in: Agilità emotiva, ispirazione, scrittura e creatività

Whatsapp di un padre al figlio adolescente

By Francesco Perticari

Ciao Figlio mio,

per quel poco che conosco della natura umana credo che tu abbia un gran bisogno di essere rispettato, di sperimentare l’autonomia che ti spetta e poter decidere il tuo modo di essere.

E’ un tuo diritto e anche io ho una gran voglia di trattarti da adulto, perciò ti scrivo invece di chiederti semplicemente scusa.

Sai come la penso sul fatto di sentirsi liberi e per te lo vorrei con tutto il cuore, ma anche io ho degli obblighi: se non riesco a creare armonia all’interno della famiglia, diffondendo un atteggiamento gentile e amorevole, gli uni verso gli altri, ho il dovere di esigere un uso corretto delle parole e degli atteggiamenti che a volte possono ferire più di un calcio nella faccia.

Per tutelare questo rispetto posso correre il rischio di commettere errori, per quali ti chiedo scusa in anticipo.  Io non sono perfetto e cercherò d’impegnarmi più possibile a trattarti da pari, ricordandoti che per te questa è una grande responsabilità.

Un adulto dovrebbe (scrivo dovrebbe perché non tutti, non sempre, lo sono) essere in ogni istante consapevole dell’influenza che ha sugli altri e sull’ambiente, assumendosi  completamente carico di ciò.

E’ il bello di essere parte della famiglia umana e soprattutto di quella esperienza umana che è la vita, la quale non servirebbe a nulla se potesse essere spiegata.

Sappi che sono molto fiero di te e so benissimo che questa piccola parte dei tuoi comportamenti, non ancora pienamente accettati da me,  è passeggera e volatile.  E lo so perché io mi riconosco in te e ritrovo un percorso già fatto.   Per molti aspetti vedo in te la versione migliore di me.

Sappi anche che non c’è niente che tu possa fare  o non faredire o non dire, pensare o non pensare,  per impedirmi di amarti più di me stesso, in qualsiasi istante.

M’impegnerò molto nel cambiare atteggiamento nei tuoi confronti poiché, per natura, non saremo per sempre insieme e la cosa che voglio di più nella vita è il bene, la felicità e la tua libertà

Lo farò con tutto l’esempio che posso, adesso che sono con te. Adesso che è venuto il tempo di cambiare e di crescere. Insieme.

Ti voglio bene.

Il tuo Babbo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *