Skip to content
Mobile menu

Published in: allenamento per la mente, leaderschip, vecchi post

La dichiarazione di missione personale

By Francesco Perticari

E’ importante avereuna mission: una personale dichiarazione d’intenti, scritta e specifica per la propria vita.

Il termine mission non è bellissimo, ci ricorda troppo i film di azione americani, le tecniche di guerriglia e il vecchio marketing; questo è un blog di sviluppo personale non di strategia militare.

Chiamiamola dichiarazione personale allora, questo breve vademecum che rappresenti le ragioni più profonde per le quali vogliamo fare le cose che facciamo.

Un documento per chi vuole evitare di trovarsi a camminare smarrito in questa desertica giungla liquefatta di valori abbattuti come alberi nell’isola di Pasqua.

La mia dichiarazione personale l’ho scritta un anno fa e rappresenta per me il carburante di qualità, adatto a dare un senso anche alle azioni più scontate e necessarie per la sopravvivenza materiale.

La scrivo nel blog come impegno a rispettarla, a rileggerla e, se fosse necessario, anche a modificarla ma soprattutto come impegno a ricordarmela sempre.

Lo sviluppo personale è una questione di pratica, di disciplina e di auto-addestramento, necessita di un atteggiamento vigile e di un impegno costante.

Un uomo eccezionale, fra quelli che ammiro di più, conosce il Corano a memoria poiché di religione islamica, può recitare senza leggere qualsiasi passo della Divina Commedia, partendo da una terzina qualunque, essendo italiano e amante della letteratura, e io ivece non ricordo a memoria nemmeno le poche righe della mia dichiarazione personale. Paradosso della mediocrità.

In ogni caso senza una mission mi sentirei un piccolo canguro che vuole restare nel marsupio della madre per sempre, invece voglio saltar fuori a piantare alberi: l’isola di Pasqua ha bisogno di ombra, frutti e ossigeno, per ritornare a vivere.

Quando penso che si può morire in un istante, insieme ad altre 100.000 persone a causa di un terremoto, mi viene voglia di non sprecare nemmeno un minuto della giornata in occupazioni inutili.

La dichiarazione personale mi aiuterà in questo e se vi può servire la condivido in questo post:

  1. Porto armonia ed equilibrio in ogni ambiente e faccio sentire bene le persone.
  2. Imparo ad astenermi completamente dal giudicare gli altri.
  3. Tengo in ordine cose e idee.
  4. Ogni anno una nuova competenza.
  5. Divento un esperto dell’ascolto (degli altri e di me stesso).
  6. Sono un alchimista del fare e traduco in azione le mie idee con gioia.
  7. Mi servo delle mie competenze e del denaro per raggiungere l’indipendenza finanziaria.
  8. Sono concentrato sulle cose che faccio, consapevole del momento presente e mantengo il focus sul compito.
  9. Ho il coraggio di essere sincero e deciso.
  10. Conosco persone diverse da me.
  11. Onoro Dio (in qualunque forma venga pensato da me e dagli altri) e ho consapevolezza della mia spiritualità.
  12. Mi occupo di aiutare le persone a partire da quelle più vicine.

La forma con il verbo al presente non è presunzione ma solo una tecnica per comunicare bene con la mente. Infatti una buona dichiarazione risponde sempre a queste caratteristiche:

  • è personale
  • è positiva
  • è coniugata al presente
  • possiede evidenza visiva
  • è carica di forza emozionale

Se non ne avete una vi consiglio di scriverla, può essere un modo per aumentarne il potere personale aiutando se stessi e il mondo.

L’evoluzione creativa è a nostra disposizione.

17 gennaio 2010

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *