Skip to content
Mobile menu

Published in: allenamento per la mente, vecchi post

Da scrivere sulla porta di casa

By Francesco Perticari

Ci sono momenti nella vita di una persona in cui tutto sembra maledettamente difficile. La mente vacilla, inconcludente e senza motivazione, abortendo idee senza futuro. Il corpo sembra non riesca a scrollarsi di dosso la stanchezza, incrostata come il calcare dentro vecchie tubature. E la quotidianità risucchia nel suo torrente veloce ogni timido tentativo di cambiamento.

Quand’è così non resta che accanirsi contro il foglio bianco, gettare la spugna e parcheggiare i propri sogni nella discarica abusiva del disimpegno e della commiserazione.

Ma noi siamo leader. Non possiamo farlo.

Noi non vogliamo farlo!

Perché sappiamo che momenti come questo rappresentano buone opportunità per esercitare l’ascolto.

Sono esperienze favorevoli al salto di paradigma, al passaggio di stato, alla salita su un gradino più alto per consentire allo sguardo la panoramica ampia di un orizzonte più grande.

Così mi sono messo in ascolto. Ho accettato, ringraziato e ascoltato per un pò di tempo. (Se avete notato il blog ha taciuto per molti giorni).

Poi il messaggio dall’universo arriva. L’incontro con una persona che mi racconta una storia sconvolgente attraverso la quale intuisco che la strada che sto percorrendo è quella giusta.

Non sono importanti i dettagli e la trama della storia. E’ importante il succo al quale sono arrivato e che ora voglio condividere con voi attraverso la citazione di un grande maestro sufi:

Vieni, vieni: chiunque tu sia, vieni. Sei un miscredente, un idolatra, un pagano? Vieni!
La nostra casa non è un luogo di disperazione, e anche se hai tradito cento volte una promessa
…vieni.

Jalal al Din Rumi

Scrivetelo sopra l’uscio della vostra casa o ancora meglio disegnate una calligrafia dorata sulla porta del vostro cuore. Per me è l’atteggiamento giusto per accogliere l’altro: senza giudicare.

(2 marzo 2010)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *